Cerca
designer cuisine italienne Gae Aulenti

Gae Aulenti

"L'architettura deve dare delle indicazioni che possono valere anche per gli altri, che devono servire agli altri per apprendere altre cose, come una specie di insegnamento di volontà positiva"

Gaetana "Gae" Aulenti nasce a Palazzolo dello Stella (Ud) nel 1927 e muore a Milano 2012. Dopo essersi laureata in architettura al Politecnico di Milano, si forma professionalmente nella Milano degli anni '50. In reazione al razionalismo, si impegna nel recupero dei valori architettonici della tradizione, confluendo così nel movimento poi definito "Neoliberty". Tra i progetti architettonici più importanti da lei realizzati vi sono: la riqualificazione della "Gare d'Orsay" , l’allestimento del "Musée d'Orsay", nonché l'allestimento del "Museo Nazionale d’Arte Moderna" presso il "Centre Pompidou" a Parigi; la realizzazione del "Museo d’Arte Catalana" a Barcelona; la ristrutturazione di "Palazzo Grassi" a Venezia; la realizzazione del "Museo di Arte Asiatica" a San Francisco; la ristrutturazione delle "Ex Scuderie  Papali" del Quirinale a Roma.

La Aulenti è capace di interpretare l’architettura in piena relazione con l'ambiente urbano pregresso, che ne risulta quindi quasi come la forma generatrice. E provando, con esso, a trasferire nello spazio architettonico la molteplice intensità degli elementi che operano a definire l'universo urbano. Faceva sue le parole del grande poeta inglese Thomas Stearn Eliott: "... la tradizione non si eredita, ma si costruisce giorno per giorno. Non ho cambiato idea". Ma il suo pensiero era da tempo velato anche da un certo senso di delusione: "Siamo in un momento molto difficile, non solo per l'architettura ma per tutte le arti. Per me è essenziale che un’opera indichi il futuro. Perciò la chiamo profetica".

Gae Aulenti comincia la sua collaborazione con Snaidero nel 1993, facendosi interprete di un progetto ambizioso ed innovativo. Quello di riportare in cucina i materiali naturali, autentici, vivi: come il marmo per le ante, il legno ed il vetro colorato. Tutti elementi progettuali, questi, che le permettono di conciliare la tradizione costruttiva con l’innovazione tecnologica. Nasce così "Etra", una cucina che riflette un'idea di ambiente domestico pienamente coerente con la sua filosofia progettuale. Ovvero caratterizzato da una praticità d'uso che si coniuga con il senso vivo della tradizione, su linee di corretta proporzione ed eleganza impegnate a ridisegnare l'essenzialità degli spazi e la loro funzionalità. Per la Aulenti, infatti, nel mondo del design industriale, come in quello dell’architettura, è fondamentale riuscire a concepire forme pure, semplici ed elementari che, slegate da mode effimere ed ininfluenti, risultino alla fine durature e convincenti.

Crea il tuo catalogo

Seleziona uno dei cataloghi che Snaidero ha preparato per te e personalizzalo con i tuoi dati.

La creazione del catalogo può richiedere qualche minuto.
I campi contrassegnati dall' asterisco * sono obbligatori.