Cerca
cuisine italienne Spazio Vivo

ANNI '60 SCOPPIA IL BOOM

MENTRE L’ITALIA SCOPRE LA CUCINA COMPONIBILE, SNAIDERO VOLA AL MOMA DI NEW YORK

A partire dai primissimi anni '60, l'Azienda specializza la propria attività nella sola progettazione e produzione di cucine. E, per di più, di nuova concezione, ovvero moderne e componibili. Ed è quindi "Gloria", già nel 1961, la prima cucina componibile in legno laccato poliestere prodotta da Snaidero. Gli elettrodomestici vi sono incassati  - è una rivoluzione concettuale! - e quelli che un tempo erano dei semplici contenitori qui divengono mobili mirabilmente attrezzati e disposti lungo il perimetro della stanza. A completare la rivoluzionaria proposta anche una soluzione a cappa filtrante.

Ma l'innovazione spesso chiama altra innovazione. Rino si rende subito conto che "Gloria" è una soluzione cucina con un potenziale di mercato ben più ampio di quello finora affrontato dall'Azienda. Pertanto, la sua nascita e la sua carica di innovazione vanno comunicate sfruttando le possibilità inedite di un media di massa allora ai suoi albori. Ma già largamente diffuso, se non ancora nelle case, nei luoghi pubblici di tutta Italia: la televisione. E sarà quindi uno spot televisivo della durata di 15 secondi a portare per la prima volta all'attenzione di un pubblico nazionale tanto l'innovativa cucina "Gloria", quanto il dinamico marchio "Snaidero".

Anche la risposta del mercato, del resto, premia la grande innovazione di questa proposta e ciò non tarda a tradursi in un lusinghiero portafoglio di commesse. Nel contesto  nazionale ed internazionale dell"epoca - quando film e musica giunti da oltreoceano contagiano l"Europa esportando quello che passerà alla Storia come l’"American Way of Life" - tutto si muove euforicamente a favore del nuovo e verso il pieno sviluppo economico.

Si è detto che la figura del pioniere e dell’imprenditore è caratterizzata dal coraggio e dalla lungimiranza. A queste virtù aggiungiamo quella dell'intuito. Rino Snaidero intuisce la portata dei cambiamenti culturali in corso e le conseguenti imminenti ricadute in termini di tendenze di mercato. E se l'America non ha il peso storico del Vecchio Continente, occorre produrla la Storia dell'America, pensa Rino. E così veste i suoi mobili - dall’impianto già moderno e razionale - dei colori e delle suggestioni vitali di quelle praterie sconfinate e li battezza "Old America".

I mobili della serie "Old America" tengono conto della praticità compositiva e della moderna  integrazione di elettrodomestici, mediandole però con la ricerca di atmosfere calde ed accoglienti. Capaci cioè di creare quella forma di habitat che è il più sognato, in quel momento, da una larga parte del mercato, ancora lontano nel gusto dal puro razionalismo d'avanguardia. Nasce così un prodotto di grande successo che, privo di concorrenza e di possibili confronti, permette di impiegare i materiali allora più innovativi, come i laminati plastici e gli agglomerati.

Ma, come abbiamo visto, già sul finire degli anni '50 Rino Snaidero si andava convincendo che i tempi erano cambiati e che quindi la produzione di cucine dovesse confrontarsi seriamente con il mondo dei designer. Ovvero con i contributi teorici e pratici di quei brillanti professionisti capaci di tradurre in splendidi prodotti le esigenze - ormai maturate ed evolute - del consumatore. Nuovo benessere e nuovi stili di vita, infatti, in parte nati sulla scorta di suggestioni provenienti da oltreoceano, danno luogo ad un nuovo gusto, anche nell’arredo.

E così, nel 1968, il grande architetto e designer Virgilio Forchiassin progetta per Snaidero la cucina "Spazio Vivo". Si tratta di un prodotto straordinario ed innovativo, capace di interpretare le nuove esigenze del Cliente e di delineare nuovi ed ulteriori scenari del lifestyle. I fornelli ed il lavello sono progettati secondo un nuovo concept rivoluzionario: sono infatti raggruppati ad isola - ed è la prima volta! - con il nome di "central bloch".  La parte restante delle funzioni è demandato allo spazio parete, secondo innovativi blocchi in movimento che, incernierati alle basi, si aprono e si richiudono secondo il loro impiego funzionale. Accade così il giusto e l’impensabile. Al suo debutto, la cucina Snaidero "Spazio Vivo" entra immediatamente a far parte della collezione permanente del prestigioso "MoMa" (Museo d’Arte Moderna) di New York, vero e proprio tempio internazionale del design d’avanguardia.

Crea il tuo catalogo

Seleziona uno dei cataloghi che Snaidero ha preparato per te e personalizzalo con i tuoi dati.

La creazione del catalogo può richiedere qualche minuto.
I campi contrassegnati dall' asterisco * sono obbligatori.