Cerca

13 Luglio 2016
Edi Snaidero a Eurocucina 2016

INTERVISTA DEL PRESIDENTE EDI SNAIDERO SUL SOLE24ORE

Il Presidente Edi Snaidero intervistato dal Sole 24 Ore traccia un bilancio sul 2015 e sui primi mesi del 2016

Il Presidente Edi Snaidero intervistato dal Sole 24 Ore traccia un bilancio sul 2015 e manifesta entusiasmo e  fiducia sui progetti commerciali e industriali lanciati nel 2016. Vi riportiamo di seguito il testo integrale dell'articolo comparso lo scorso 7 Luglio 2016.

"Le celebrazioni per i 70 anni di attività arrivano al momento giusto: dopo un 2015 di riorganizzazione, il 2016 si è aperto con numeri in forte crescita per il Gruppo friulano Snaidero, noto soprattutto per le cucine della sua capogruppo con sede a Majano (Udine).

Numeri che sono il risultato spiega il presidente Edi Snaidero di una profonda ristrutturazione della holding, che ha visto nel 2015 “un anno di grande discontinuità” frutto in particolare di alcune operazioni straordinarie. La cessione ai tedeschi della divisione franchising del gruppo (Fdb) ha portato una importante plusvalenza che ha in parte agevolato la ristrutturazione del debito, realizzata con il supporto delle banche e in parte liberato risorse per nuovi investimenti. Inoltre è stata avviata la chiusura dello stabilimento tedesco con il conseguente trasferimento a Majano anche delle attività produttive del marchio Rational.

Ora possiamo concentrarci sugli investimenti per lo sviluppo di nuovi prodotti e per recuperare quote di mercato, soprattutto all’estero, oltre che in Italia, da dove arrivano segnali di ripresa”. Il 2015 ha portato la prima svolta, con ricavi per 122 milioni (contro i 180 del 2014 che comprendevano però anche il valore della divisione franchising) e il marchio Snaidero che ha registrato una crescita del 7%.

E le cose vanno anche meglio nell’anno in corso: tra gennaio e maggio gli ordinativi della capogruppo sono balzati del 29% con un + 46% di ordini dall’estero davvero incoraggiante. “Stiamo crescendo in paesi dove da anni cercavamo di guadagnare quote – precisa Edi Snaidero – dagli Stati Uniti alla Gran Bretagna dalla Turchia al Far East , dall’Australia all’India”. Anche la Russia è in fase di recupero e la Turchia ha ripreso a correre . E non si tratta di fuochi di paglia: “Registriamo tassi di crescita a doppia cifra – dice il presidente -  e abbiamo ordini per tutto il 2017 e parte del 2018”. Gran Bretagna compresa, il che consente per il momento di attutire l’impatto del Brexit.

La ristrutturazione del debito e il riequilibrio patrimoniale hanno dato il via a investimenti anche in nuove linee come quelle di Majano che saranno completate per fine mese per sostituire l’impianto tedesco. Resta invece quello francese di Nantes e il gruppo mantiene le sue filiali commerciali a Londra e negli Stati Uniti che, insieme ai siti produttivi e ai tanti negozi in 84 paesi del mondo danno lavoro a circa 800 dipendenti (di cui 440 in Italia).

Sul fronte distribuzione cresce in maniera importante il segmento Contract, che per Snaidero significa soprattutto grandi forniture per multi-housing e Apart-hotel in particolare nei paesi di tradizione anglosassone e dovrebbe raggiungere nel 2016 il 20% del giro complessivo del gruppo. Ma anche la strategia Retail procede a pieno ritmo, con aperture di monomarca, solo quest’anno a Dubai, Hong Kong, Chengdu, Teheran, e Melbourne.

Abbiamo cambiato faccia del gruppo – conclude Snaidero – e ora stiamo cominciando a fare finalmente quello che per anni non siamo riusciti a fare. Abbiamo la squadra giusta, fatta di manager giovani e motivati e i prodotti giusti per riuscirci”.

Fonte: Il Sole 24 Ore, 11 Luglio 2016

Crea il tuo catalogo

Seleziona uno dei cataloghi che Snaidero ha preparato per te e personalizzalo con i tuoi dati.

La creazione del catalogo può richiedere qualche minuto.
La compilazione dei campi del form è obbligatoria.