Cerca

Comunicati stampa

Notizie dall'azienda

14 Gennaio 2015
cucina moderna orange

BONUS MOBILI: FACCIAMO IL PUNTO

Come forse sapete il 16 ottobre scorso è stato approvato in Consiglio dei Ministri il Decreto Legge che proroga il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie in misura del 50% sino al 31 dicembre 2015, estendendo l'agevolazione anche agli arredi. Una grande opportunità per quanti riflettevano da tempo sull'idea di rinnovare lo spazio in cucina e da oggi fino al 31.12.2015 possono trasformare in realtà il sogno. Di seguito un piccolo vademecum su come muoversi per accedere alle agevolazioni fiscali. Siamo in attesa di ricevere la circolare attuativa del decreto che spiegherà nel dettaglio le modalità operative per accedere ai vantaggi.

I CONCETTI CHIAVE DEL BONUS MOBILI

DETRAZIONE FISCALE 50%. La detrazione, che può essere sfruttata per l’acquisto di mobili e arredi, è stata fissata al 50%, per l'acquisto di mobili il tetto massimo di spesa è di 10.000 euro. Il nuovo Bonus Mobili prevede, infatti, che la cifra da portare in detrazione sia ripartita in 10 rate annuali di pari importo che potrà essere scontata tra gli aventi diritto.

TETTO DI SPESA. La spesa massima per l’acquisto di arredi che può essere portata in detrazione è stata fissata a 10.000 euro. Questa spesa è in aggiunta allo sconto fiscale che si ottiene con la Detrazione 50% per le ristrutturazioni edilizie che rimane fissata a 96.000 euro. Entrambe gli sconti fiscali (Bonus Mobili e Detrazione 50% ristrutturazioni) saranno valide fino al 31 dicembre 2015.

COME FUNZIONA IL BONUS MOBILI

Sono due i punti importanti da tenere a mente per chi è intenzionato a sfruttare questa opportunità: 1. Le spese devono essere documentate, quindi occorre avere una regolare fattura di acquisto e la ricevuta di pagamento con un sistema tracciabile come il bonifico bancario o postale; esattamente come per gli altri interventi edilizi agevolabili con la Detrazione 50%. 2. I mobili acquistati devono essere utilizzati per l’arredo dell’unità immobiliare oggetto di ristrutturazione. Come a dire: non c’è Bonus Mobili se non c’è una ristrutturazione edilizia di un appartamento o di una casa.

CHI PUO' BENEFICIARE DEL BONUS?

Tutti i soggetti che hanno avviato una ristrutturazione a partire dal mese di luglio 2012 e che hanno acquistato mobili “finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazioni” entro il 31 dicembre 2015. In pratica, potrà avere lo sconto solo chi ristrutturerà il proprio appartamento e ne documenterà le spese.

MODALITA' DI PAGAMENTO

Gli interventi da sottoporre alla detrazione devono essere pagati con il bonifico bancario o postale che deve indicare: il codice fiscale del contribuente, la partita Iva dell’impresa che ha il compito di eseguire i lavori, i riferimenti alla legge che introduce le agevolazioni nella causale. Sono escluse dalle spese detraibili: le concessioni e le necessarie autorizzazioni, gli oneri di urbanizzazione, l’imposta di bollo, le ritenute d’acconto dei professionisti che effettuano la prestazione.

Entra nel vivo questa settimana la discussione in Commissione al Senato sul disegno di legge di conversione del DL 63/2013 che estende le detrazioni fiscali del 50% all'acquisto di mobili. Occorrerà aspettare la conversione in legge del decreto, che il Parlamento completerà entro il 4 agosto 2013, per avere indicazioni più precise su come usufruire della detrazione. Vi terremo chiaramente aggiornati sulle prossime evoluzioni.

 

Crea il tuo catalogo

Seleziona uno dei cataloghi che Snaidero ha preparato per te e personalizzalo con i tuoi dati.

La creazione del catalogo può richiedere qualche minuto.
La compilazione dei campi del form è obbligatoria.