Cerca

Quality lovers

Progettazione

08 Febbraio 2013
cucina moderna ola 20
silvia

LA CUCINA S'ILLUMINA

Un futuro tutto LED garantisce risparmio energetico e maggior durata.

Quando si parla di sviluppo sostenibile bisognerebbe non mettere da parte i sistemi di illuminazione utilizzati nelle nostre case e nelle nostre città. Le fonti d’illuminazione di nuova generazione, oltre a nascondere un elevato contenuto tecnologico grazie ad una ricerca progettuale vivace, rendono anche una varietà di soluzioni rispettose dell’habitat e delle problematiche energetiche. La ricerca va quindi verso un nuovo modo di illuminare le cose.

La diffusione dei LED è avvenuta sia grazie ai progressi in ambito tecnologico, che hanno consentito la produzione di led in colori diversi dal rosso (che inizialmente era l’unico colore disponibile), sia grazie alle caratteristiche intrinseche dei led: grande affidabilità, elevata efficienza, lunga durata.

La versatilità dei sistemi d’illuminazione a led rende questa soluzione illuminotecnica particolarmente adatta alla creazione di effetti scenografici e decorativi molto originali e personalizzabili, sia per spazi interni che per spazi esterni.
I sistemi a led monocromatici o multicolore s’integrano perfettamente con le strutture da valorizzare, diventando parte integrante del design.
Sul piano del risparmio energetico e della sostenibilità gli standard sono elevatissimi: niente mercurio, per esempio, niente sostanze tossiche prima durante e dopo, cioè nella costruzione dell’apparato, durante il periodo di attività e all’atto della sostituzione (non prima dei cinque anni di garanzia).

Vantaggi dei LED rispetto all’illuminazione con lampade al sodio:

Risparmio energetico:

  • a parità di illuminazione, con la tecnologia LED si ha un risparmio energetico dal 50 al 80%.
  •  

Qualità della luce:

  • La luce emessa dalle lampade al sodio è gialla, non corrispondente al picco della sensibilità dell’occhio umano: i colori non sono riprodotti fedelmente ed è quindi necessaria più luce per garantire una visione sicura.
    I LED invece, emettono luce bianca fredda, che permette di raggiungere un’illuminazione sicura per gli utenti della strada (abbassa i tempi di reazione all’imprevisto), con minor consumo di energia.
  • L’indice di resa colorimetrica (CRI) indica la fedeltà di riproduzione dei colori: vale 20 per le lampade al sodio e 80 per le lampade LED. 
  • Si può quindi affermare che con le lampade al sodio occorre aumentare la potenza luminosa del 50% per garantire una visione sicura.
  •  

Inquinamento luminoso:

  • Le lampade al sodio, essendo omnidirezionali, diffondono la luce in tutte le direzioni ed è necessario dotare il lampione di parabola per recuperarne metà: l’efficienza luminosa finale è il 50% di quella emessa.
  • Il LED è direzionale per costruzione ed emette un fascio luminoso definito, a 90°, da 90 lumen/watt (alimentazione a 350mA) e quindi riduce al minimo l’inquinamento luminoso. Il LED può essere interfacciato con delle ottiche secondarie per restringere il fascio luminoso.
  • In conclusione, la lampada al sodio, per qualità della luce, efficacia della proiezione e inquinamento luminoso, risulta essere inferiore alla lampada LED.

Durata:

  • La vita utile dei sistemi a LED è stimata in 50.000-100.000 ore (10-20 anni, 12 ore al giorno) contro le 4000-5000 ore (11-14 mesi) delle lampade al sodio ad alta pressione.
  • Secondo stime, dopo 50.000-100.000 ore la luminosità dei sistemi a LED scende al 70% rispetto al valore iniziale e questo può essere considerato il termine della vita utile del LED. 
  • L’indice di caduta del flusso luminoso dei LED è dopo 3000 ore di funzionamento, anzi nelle prime 5000 ore aumenta leggermente. I fari al sodio, invece, dopo 3000 ore presentano una riduzione del flusso fino al 40%.

Manutenzione:

  • i costi di manutenzione degli apparati di illuminazione a LED sono stimati nell’ordine di un decimo rispetto agli impianti al sodio attualmente in uso.
  •  

Costi:

  • i sistemi a LED hanno un costo iniziale maggiore, dal doppio al triplo, rispetto alle soluzioni tradizionali.
  • Considerando però la maggiore durata, il risparmio energetico e la manutenzione quasi assente, si ha un risparmio netto dal 50% al 80%. 
  • Il dipartimento dell’energia degli Stati Uniti d’America stima che sostituendo,negli U.S.A., nei prossimi 20 anni l’attuale illuminazione stradale e urbana con i LED si possa:
  1. diminuire il consumo di energia elettrica del 62%
  2. ridurre le emissioni inquinanti di 250 milioni di tonnellate di anidride carbonica
  3. evitare la costruzione di 153 nuove centrali elettriche
  4. risparmi finanziari per 115 miliardi di dollari di finanziamenti non necessari per la costruzione di centrali elettriche.- Inoltre la produzione di semiconduttori diventa sempre piu’ economica con l’ aumentare dei volumi di produzione e quindi, con il diffondersi della tecnologia LED, i prezzi si abbasseranno.

La luce del nuovo millennio è sempre più attenta al risparmio energetico, progettata nel rispetto dell'ambiente e nella tutela della salute, diffusa da apparecchi di design e ad alta innovazione tecnologica.

Di seguito un video che illustra l'impiego dei LED nella cucina VENUS.

Leggi commenti: 0
Scrivi un commento
Crea il tuo catalogo

Seleziona uno dei cataloghi che Snaidero ha preparato per te e personalizzalo con i tuoi dati.

La creazione del catalogo può richiedere qualche minuto.
La compilazione dei campi del form è obbligatoria.