Cerca

Quality lovers

Qualità e Materiali

25 Aprile 2013
silvia

IL PIANO IN LAMINATO

I piani di lavoro in laminato hanno una superficie molto resistente ed igienica.

Per svolgere in cucina le più comuni attività occorrono non solo attrezzature intelligenti ma anche superfici dove il lavoro scorra con facilità e sicurezza. I piani di appoggio e di lavoro, non solo devono garantire ottime prestazioni agli urti, alle macchie, all’abrasione, all’acqua, al calore ed all’umidità; ma fornire anche caratteri diversi ad ogni differente tipo di ambiente. Un piano d’appoggio determina anche l’estetica e l’effetto ottico dell’intero mobile perché il top è inevitabilmente l’elemento che collega ed assembla i componenti del mobile determinandone il coordinamento sia stilistico che cromatico, estetico e funzionale.

Vediamo nello specifico le caratteristiche del piano in laminato.
I piani di lavoro in laminato hanno una superficie molto resistente ed igienica. Sono costituiti essenzialmente da fogli di carta e resine sintetiche termoindurenti dove la carta rappresenta il 60% del prodotto mentre la percentuale restante è costituita da resina melaminica per lo strato superficiale decorativo e da resina fenolica per gli strati sottostanti. Grazie alla loro composizione infatti i laminati, possono essere di vari spessori, colori e finiture superficiali e possono imitare anche le superfici più preziose.
Tra i plus sicuramente il laminato ha il vantaggio di essere economico, di facilissima manutenzione e si trova in una miriade di colori. È resistente agli urti e si può anche scegliere di eliminare il bordo posteriore del piano, prolungandolo sulla parete in uno schienale che renda più facile la pulizia.

Se state pensando di acquistare una nuova cucina o semplicemente di cambiare il vostro vecchio piano di lavoro vi suggeriamo il laminato a trama fitta: nasconde le imperfezioni meglio di quelle con rifiniture piatte.

Consigli per la pulizia del piano in laminato:
Per la pulizia di questo tipo di superfici utilizzare una soluzione di detersivo liquido neutro non abrasivo diluito in acqua (soluzione al 10-20%), oppure concentrato nel caso in cui si abbiano superfici molto sporche e grasse, applicandolo su tutta la superficie con spugna morbida evitando assolutamente l’uso di pagliette metalliche, detersivi acidi, solventi come trielina, acetone, alcool e qualunque sostanza abrasiva o acida che possa intaccare l’integrità della superficie, in particolare attenzione ad anticalcare o pulitori per piastre spartifiamma. Evitare assolutamente prodotti detergenti aggressivi o corrosivi (croce di S. Andrea in campo arancione), solventi e materiali abrasivi, fate attenzione a dove posate i tappi dei barattoli o stracci sporchi di prodotti aggressivi (ad esempio: anticalcari, pulitori piastre spartifiamma, acidi). Prima di utilizzare dei prodotti per pulizia che non conoscete provateli in una zona poco visibile. Non appoggiare direttamente sui piani di lavoro pentole o utensili bollenti o surriscaldati, inoltre aprite la lavastoviglie solo quando è fredda per evitare sbuffi di vapore sotto il piano (in genere 15/20 minuti dalla fine del ciclo).

Leggi commenti: 0
Scrivi un commento
Crea il tuo catalogo

Seleziona uno dei cataloghi che Snaidero ha preparato per te e personalizzalo con i tuoi dati.

La creazione del catalogo può richiedere qualche minuto.
La compilazione dei campi del form è obbligatoria.